Impianti idraulici

 
La definizione di impianto idraulico

La definizione di impianto idraulico

Con il termine di impianto idraulico si vuole definire una rete di tubazioni, raccordi e giunti che trasportano fluidi come acqua e gas in un edificio per servire le varie utenze allacciate o collegate ad ogni impianto.

Gli impianti idraulici, esattamente come tutti gli impianti in generale, devono essere sottoposti a regolari interventi manutentivi che siano essi di carattere ordinario che straordinario.

Nel corso di questo articolo daremo una definizione agli impianti domestici ed industriali considerandoli suddivisi in categorie e dedicando questa pagina ad una di queste categorie in particolare, ossia quella degli impianti idraulici sanitari.

Hai bisogno di assistenza per il tuo impianto idraulico?

tipi di impianti idraulici

Tipi di impianti idraulici

I principali tipi di impianti idraulici sono: gli impianti idraulici sanitari, gli impianti gas domestici , gli impianti termici e gli impianti di condizionamento.

Ciascun tipo di impianto idraulico sopra citato deve rispettare alcune regole fondamentali, ossia deve essere corredato da un progetto che tenga conto delle dimensioni corrette in fase di realizzazione nel rispetto della normativa in materia di distribuzione e di proporzione che, di fatto, rende l’impianto adeguato alle esigenze di chi ne usufruirà.

Ti offriamo un servizio idraulico veloce e affidabile, disponibile anche all’ultimo momento, qualunque sia la tua richiesta.

Siamo esperti in riparazione del bagno e sostituzione dei sanitari a Milano. Non avremo difficoltà a raggiungerti e a risolvere la tua emergenza idraulica senza tempi di attesa infiniti.

Impianti idraulici sanitari

La creazione di un impianto idraulico per abitazione prevede il trasporto dell’acqua potabile e non potabile per ottemperare alle necessità abitative come quella relativa all’igiene.

Oltre ad avere una mandata e quindi acqua in ingresso, l’impianto idraulico per abitazione deve prevedere una rete di scarico per il deflusso delle acque reflue.

La manutenzione della rete di scarico  è possibile con delle azioni mirate che aiutano a liberare le tubature ma anche a limitare la possibile insorgenza di ostruzioni che potrebbero impedire o rallentare il deflusso dell’acqua.

Come sono fatti gli impianti idraulici?

Per la creazione di un impianto idraulico si utilizzano materiali moderni con collettori di distribuzione che abbiano la filettatura da poter guarnire con la canapa idraulica separando ciascuna utenza per mantenere un controllo maggiore sull’impianto. Va ricordato che non vengono utilizzate saldature, filettature o pinzature per i raccordi, che altrimenti verrebbero lasciati sotto traccia.

Gli impianti idraulici si compongono di:

Colonne di adduzione , rubinetti di arresto, collettore, tubature, organi per il controllo e la sicurezza, sistemi ausiliari, rispetto della normativa in tema di impianto idraulico sanitario.

Le colonne di adduzione per gli impianti idraulici

Le colonne di adduzione permettono di collegare il condotto comunale alle utenze. Per l’ottenimento della corretta diramazione per il carico idrico al piano, le colonne devono essere realizzate in maniera da permettere all’acqua di raggiungere la giusta pressione tradotta in bar.

Gli impianti idrici domestici gestiscono due tipi di acque di scarico che sono quelle nere e quindi dirette in fogna e quelle chiare che sono ad esempio quelle pluviali.

L’impianto idraulico si definisce sanitario perché il suo scopo ultimo è quello di fornire ad ogni utenza acqua utile alla pulizia dell’ambiente, della persona ed adatta al consumo.

Per garantire agli impianti idraulici la piena efficienza, questi vengono dotati di sistemi ausiliari o di apparecchiature che facilitano la distribuzione ed il convoglio dell’acqua di mandata migliorando le prestazioni della rete idrica.

Quando le prestazioni della rete idrica non fossero sufficienti a garantire adeguatamente la mandata e lo scarico dell’acqua in un’abitazione, è possibile contattare un idraulico esperto che valuti le soluzioni possibili affinché venga ripristinata la funzionalità ideale dell’impianto.

Le chiavi di arresto negli impianti idraulici

All’inizio di ogni piano di un palazzo è presente una chiave d’arresto principale (quando non anche un contatore) per il controllo dell’impianto e per la verifica dei consumi.

Le altri chiavi o rubinetti svolgono il compito di isolare parti specifiche dell’impianto idraulico come il lavandino della cucina e lo scaldabagno con lo scopo di poter all’occorrenza effettuare la manutenzione di un apparecchio senza dover chiudere l’acqua per tutto il tratto.

Il collettore negli impianti idraulici

L’utilizzo del collettore dell’acqua nasce per la sua distribuzione in pressione a tutte le utenze allacciate al circuito idraulico. Per utenze si intendono le cassette wc, i sanitari bagno, i rubinetti della cucina, l’impianto termico e simili presenti in un’abitazione.

Per le nuove ristrutturazioni o pose in opera ex novo è possibile utilizzare un collettore di distribuzione di nuova generazione.

In presenza di un impianto idrosanitario il collettore per l’acqua assolve alla sola funzione di mandata trattandosi di un circuito aperto, nell’impianto idro-termosanitario il collettore dell’acqua assolve sia alla funzione di mandata che a quella di ritorno.

I tubi degli impianti idraulici

I tubi degli impianti idraulici erano originariamente realizzati in ferro, modellati ad hoc dall’idraulico e rifiniti ad arte prima della posa in opera con un dispendio di tempo e di energia notevole rispetto ad oggi, basti pensare che per la creazione dell’impianto di un bagno era necessaria almeno una settimana di lavoro.

Pulizia e manutenzione degli impianti idraulici

Gli idraulici SK Idraulica analizzano lo stato dell’impianto idraulico per capire quale sia la tipologia di intervento più idoneo alla conservazione ed alla pulizia dell’impianto specifico, perché, anche se ci sono delle linee guida universali, ciascuna installazione è diversa dall’altra.

Gli idraulici si occupano inoltre di ripristinare vecchie tubazioni con l’impiego di trattamenti specializzati sempre nel rispetto dell’Art.31 del 2001 e Dpr n.59 del 2009 per la pulizia e la potabilità dell’acqua.

Oltre alla manutenzione, pulizia e ripristino di tubature già in essere, l’azienda è in prima linea per l’installazione di nuovi impianti idraulici, sempre nel pieno rispetto delle normative vigenti.

Gli organi di controllo e sicurezza negli impianti idraulici

In un impianto idraulico o termoidraulico (quando comprende il sistema di riscaldamento), si parla di grandezze variabili con riferimento a pressione, volume e temperatura che, in quanto appunto variabili, possono cambiare determinando per conseguenza cambiamenti di funzionamento del sistema o cambiamenti di stato del medesimo.

I sistemi ausiliari degli impianti idraulici

Il primo posto tra i trattamenti per gli impianti idraulici è occupato dalla depurazione ossia tutti quei sistemi che favoriscono all’acqua di migliorare la propria qualità.

Per migliorare la pressione che in alcune circostanze potrebbe non essere ottimale, vengono molto richieste tra i sistemi ausiliari per l’impianto idraulico, le pompe di sollevamento dell’acqua .

Un esempio tipico di pompa per l’acqua è l’autoclave oppure un serbatoio che entra in funzione nel momento in cui vi è una maggiore richiesta di acqua dalle utenze e quindi occorre una maggiore pressione per soddisfarle tutte.

Normative per gli impianti idraulici sanitari

La UNI 9182 e la UNI 9183 sono le normative che regolano il dimensionamento di un impianto sanitario per la fornitura di acqua fredda e calda. Nell’anno 2004 la norma è stata aggiornata per la parte riferita al trattamento dell’acqua , alla manutenzione ed alla pulizia degli impianti con attenzione ai parametri di potabilità e disinfezione.

Nota: tutte le imprese che intendono esercitare talune o tutte le attività di posa in opera, ampliamento e manutenzione degli impianti oggetto della L.46/90, devono fare denuncia di inizio di attività presso Albo degli artigiani della regione in cui risiedono, secondo i propri requisiti tecnico professionali secondo l’ultimo DM n.37 del 2008.

Idraulico-Milano-come-riconoscere-i-professionisti

Hai bisogno di assistenza sul tuo impianto idraulico? Contattaci

HAI UN’ EMERGENZA?

Forniamo un servizio di pronto intervento idraulico rapido e tempestivo, adatto ad ogni imprevisto.

Contattaci

Per qualsiasi informazione sui nostri servizi contattaci telefonicamente oppure compilando il modulo.

Numero di Telefono

MOBILE: +39 346 3210471